I datori di lavoro utilizzano i siti di social network per ricercarti?

In passato, l’età, la razza, la religione, il genere, l’appartenenza religiosa, ecc., venivano discriminati durante la ricerca di un lavoro. Ora, dobbiamo aggiornare la nostra “reputazione online”? Se stai cercando un lavoro e ritieni che un potenziale datore di lavoro stia cercando il tuo MySpace, Facebook o altri account di social media online, hai il diritto di conoscere i tuoi registri pubblici?

Il tasso di disoccupazione è molto più alto rispetto agli anni precedenti e molte persone sono ancora alla ricerca di un lavoro. I potenziali datori di lavoro devono costantemente setacciare un ampio spettro di talenti per restringere i potenziali dipendenti. Ma questo significa che potresti essere stato squalificato a causa delle tue informazioni personali che desideri mantenere private e personali? In definitiva, i buoni datori di lavoro dovrebbero concentrarsi sulla ricerca di competenze, esperienza o talento. Molti datori di lavoro stanno iniziando a verificare che il tuo annuncio di gruppo pubblico riporti informazioni sbagliate su di te. Cosa faresti se ti accadesse?

La tua reputazione e i record di posta elettronica

Se stai cercando un lavoro oggi, con l’economia così com’è, devi essere consapevole che i datori di lavoro sono inondati di curriculum più che mai.

Sapevi che un datore di lavoro potrebbe prendere in considerazione l’idea di guardare la tua e-mail e cercare i tuoi social media e/o post per trovare i tuoi profili? Qual è la tua email “rubata” e qualcuno ha pubblicato informazioni false? In ogni caso, sarebbe utile controllare i tuoi record personali online eseguendo una ricerca nei record di posta elettronica.

E se hai un nome comune come “John Smith” e c’è la possibilità che alcune persone, anche centinaia, abbiano una cattiva reputazione online? Il datore di lavoro sa per certo che non sta indagando su di te? Dovresti anche fare un’altra ricerca, una “ricerca di persone” del tuo nome per trovare anche queste informazioni.

Ecco alcuni suggerimenti che possono aiutarti nel tuo processo:

1. Crea un profilo Google davvero unico per te stesso

2. Crea un profilo su Naymz, Linkedin, Zoominfo o simili e aggiungi un’accurata biografia professionale su di te

Non lasciarti discriminare per qualcosa di cui non sei nemmeno a conoscenza. Assicurati che tutti i tuoi registri pubblici siano accurati e che nulla sia stato nascosto per offuscare la tua reputazione professionale o personale.

Leave a Comment